Home 9 Blog 9 La vita all’ombra del vulcano
Der Wind trägt die Vulkanasche bei einem Ausbruch in die umliegenden Städte. Straßen, Plätze und Dächer müssen gereinigt werden.

La vita all’ombra del vulcano

Da oltre 40 anni vivo in Sicilia, in provincia di Catania, ai piedi dell’Etna. Il vulcano ha caratterizzato la mia vita qui fin dall’inizio. Ora vi racconterò – dal punto di vista di un siciliano quasi vero – della vita all’ombra del vulcano, della vita con Mamma Etna, come i siciliani chiamano il loro vulcano.

La Sicilia di una volta

Quando sono arrivata qui per la prima volta da ragazzina, tutto era strano e sconosciuto. Gente rumorosa, piccoli pulmini colorati che circolavano per le strade vendendo praticamente di tutto, dal cibo al bucato e al detersivo. Quando il pulmino a pieno carico passava per le strade e annunciava il suo arrivo con forti grida, le casalinghe si precipitavano a fare la spesa. C’era di tutto: verdure fresche, bellissimi pomodori rossi, deliziose melanzane nere e viola, tutti i tipi di frutta, grossi limoni gialli, pesche profumate… Il pulmino portava anche lenticchie secche, piselli e fagioli in sacchi bianchi.

Dopo che le donne avevano pensato al pranzo e alla cena, si passava al sapone, al detersivo, alle scope, ai secchi e poi arrivava il momento più divertente. Il buon uomo aveva della biancheria da letto ricamata per le future spose! In Sicilia si è sempre dato grande valore a questi pezzi speciali. Si toccava, si valutava e si mercanteggiava a lungo e a voce alta.

Oggi questo non esiste più, non ci sono venditori ambulanti con altoparlanti in giro. Nei villaggi più piccoli si può ancora vedere l’Ape, il piccolo veicolo a tre ruote, che vende frutta e verdura o pesce fresco. Ci sono ancora alcuni anziani che si aggrappano al passato e vendono biancheria intima sulla loro Ape, ma nessuno compra più la biancheria intima per strada.

L’Etna da vicino

Allora ebbi la fortuna non solo di conoscere l’Etna per la prima volta, ma anche di viverla. Era l’inizio di settembre e c’era stata un’eruzione all’inizio di agosto. Dovevamo vederlo da vicino. Ricordo bene la colata di lava nera e pietrosa che attraversava la strada. Un alto muro fumante! Abbiamo provato a salire un po’ con i sandali, ma le suole delle scarpe si sono sciolte per il caldo. Fu allora che capii che bisognava rispettare il vulcano.

Attenzione: anche se la lava è già solida e nera, è ancora molto calda.

Attenzione: anche se la lava è già solida e nera, è ancora molto calda.

Nel corso del tempo, il vulcano mi ha spesso sorpreso, non sempre in modo positivo. È bello quando erutta e lancia lava rovente nell’aria, ma è anche spaventoso.

La vita all’ombra del vulcano: cenere, cenere, cenere

Un’eruzione grande è di solito annunciata da un forte tuono e dallo scuotere di porte e finestre. Si guarda fuori e si scruta il cielo alla ricerca di segni di un temporale in avvicinamento. Ma se si guarda verso l’Etna, si può vedere il fumo scuro che sale dalla bocca del vulcano fino a quando non arriva il momento in cui la lava viene sollevata in aria. Questa è accompagnata da cenere e pietre.

Se siamo fortunati e non c’è vento, tutto cade vicino al cratere. Il più delle volte, però, si forma un’enorme nuvola nera, che viene sospinta in diverse direzioni dal vento. Allora dalle nostre bocche esce una preghiera spontanea: per favore, non nella mia direzione!

Perché se si è sfortunati, piove cenere e pietre che ricoprono tutto in un istante. Strade, piazze, tetti, balconi, tutto viene rapidamente ricoperto da uno spesso strato grigio. I giardini verdi diventano neri e la cenere fine penetra nelle case e negli appartamenti e si deposita ovunque.

Cenere vulcanica sulle strade e le piazze di Zafferana Etnea

Le tende bianche diventano grigie e il pavimento e i mobili sembrano non essere stati spolverati per settimane. Se si viaggia in auto, bisogna alzare rapidamente tutti i finestrini, altrimenti si inalano le ceneri sottili. A volte i sassi sono così grandi che lasciano delle ammaccature sull’auto. Sembra una grandinata.

Spesso accade che l’aeroporto di Catania debba essere chiuso perché le piste sono coperte di nero o perché è troppo pericoloso volare attraverso le nubi di cenere. I passeggeri vengono quindi dirottati a Palermo.

La vita all'ombra del vulcano significa anche: rimuovere la cenere dal tetto, dalle strade e dalle piazze, dai marciapiedi, ...

L’eruzione del 2002: l’eruzione perfetta

Non dimenticherò mai l’autunno del 2002! Le eruzioni sono iniziate in ottobre, accompagnate da enormi quantità di cenere. Fino a gennaio 2003, eravamo all’aperto solo con maschere, berretti e occhiali. Si poteva spazzare ogni giorno senza interruzioni. I sacchi pieni di cenere si accumulavano in ogni strada e venivano raccolti dal comune. Se poi pioveva, era un incubo. La sera, quando ci si svestiva, si avevano pietre nei capelli e persino nei pantaloni, nonostante tutte le protezioni.

È stato un periodo faticoso, ma nonostante tutto accompagnato da panorami unici del vulcano. Tutto è iniziato il 26 ottobre, annunciato da numerosi terremoti. Sul versante nord-orientale dell’Etna si aprì una lunga fessura, dalla quale fuoriuscirono grandi quantità di lava ed enormi quantità di cenere e pietre. Il 13 novembre si aprì una nuova fessura sul versante sud e il 21 novembre si aggiunse un terzo nuovo cratere, a 2750 metri.

Per saperne di più sul corso di questa eruzione, si può leggere qui: Eruzione del 2002 e del 2003

È stata la più grande eruzione degli ultimi 100 anni, la chiamano l’eruzione perfetta. Per noi abitanti del luogo è stato molto faticoso e impegnativo, ma non avevo mai assistito a uno spettacolo naturale del genere! Quando si percorreva l’autostrada e si guardava verso l’Etna, si aveva la sensazione che il vulcano si stesse aprendo. Innumerevoli fiumi rossi e fumanti scorrevano sulle sue pendici: non ne ho mai visti così tanti contemporaneamente! Vedevo l’Etna dalla mia camera da letto e dal mio letto ogni sera ammiravo le esplosioni infuocate che coloravano il cielo di rosso.

Immagini impressionanti ma anche spaventose dell’eruzione del 2002 e del 2003 sono visibili in questo documentario dell’INGV: Documentario sull'”Eruzione perfetta” dell’INGV (Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia) su YouTube

La vita all'ombra del vulcano significa anche distruzione costante: nel 2002, il centro turistico Etna Nord è stato completamente distrutto dalle colate laviche.

La vita all’ombra del vulcano significa anche distruzione costante: nel 2002, il centro turistico Etna Nord è stato completamente distrutto dalle colate laviche. Il nuovo centro turistico Piano Provenzana, che potete vedere nella foto, è stato poi ricostruito sulle colate laviche.

 

Purtroppo oggi non riesco più a vedere l’Etna, perché un castagno è cresciuto molto in altezza e copre la visuale. Ma guardo ogni giorno nella sua direzione perché voglio sapere se sta sbuffando tranquillamente o se si sta preparando a una grande eruzione.

L’Etna è una costante importante nella nostra vita. Lo temiamo, ma allo stesso tempo lo ammiriamo e lo amiamo.

 

Tour Crateri Etna Nord

Scoprite l’eruzione del 2002 con il nostro tour dei crateri nord:

  • Escursione lungo la colata lavica del 2002.
  • Salita agli enormi crateri del 2002. Dal bordo del cratere si può vedere l’enorme estensione dei crateri e delle colate laviche.
  • Colate di lava dalle eruzioni del 1911 e del 1923
  • Deserto di lava nera: cenere, bombe di lava, crateri e colate di lava a perdita d’occhio.
  • Muniti di caschi e torce, scopriamo un tunnel di lava.
Chatta su WhatsApp!
Scan the code