FAQ

Domande frequenti

Domande sui nostri tour

Quale attrezzatura è raccomandata?

L’attrezzatura di cui avete bisogno sull’Etna dipende dal periodo dell’anno, dalle condizioni meteorologiche specifiche e dal tour o dall’altitudine.

Per tutte le escursioni medie e difficili sono necessarie buone scarpe da trekking che superino la caviglia. Camminiamo molto sull’Etna su macerie e ceneri vulcaniche. Le piccole pietre a spigoli vivi entrano facilmente nelle scarpe basse. È per questo che raccomandiamo i pantaloni lunghi per proteggersi durante questi tour, anche in estate. Le calze lunghe sono anche importanti per proteggersi dalla sabbia vulcanica.

È meglio vestirsi a strati: molti strati che possono essere tolti o messi.

La temperatura sull’Etna a oltre 2500 metri è circa 10-20 gradi più fredda che sulla costa. A 2000 metri è circa 10-15 gradi più freddo. Quando c’è vento, può sembrare davvero ghiacciato, soprattutto in inverno. Quando il sole splende, può essere caldo in estate anche ad altitudini più elevate. La temperatura effettiva percepita può quindi variare molto e può cambiare rapidamente da un giorno all’altro o anche all’interno di un giorno.

In estate è necessario proteggersi dal sole (berretto, crema solare, occhiali da sole) e almeno 1,5 litri d’acqua a persona.
Anche in inverno, quando c’è la neve, la protezione solare non può far male. Avrete anche bisogno di un cappello, guanti e abbigliamento da neve caldo e antivento. Avrete anche bisogno di un cappello, guanti e abbigliamento da neve caldo e antivento.
Sull’Etna c’è spesso vento e il vento porta la cenere fine, quindi vi consigliamo gli occhiali da sole anche per proteggersi dal vento e dalla cenere. Se possibile, dovresti evitare le lenti a contatto e indossare invece gli occhiali.

Vorremmo visitare l'Etna con i nostri figli. Qual è il tour giusto?

Molti dei nostri tour sono vissuti quotidianamente dai nostri giovani ospiti con interesse e passione. Chiamateci e trovate insieme a noi la soluzione ideale. Basta dirci come vorresti passare la giornata con i tuoi figli e ti consiglieremo il tour giusto per tutta la famiglia, a seconda delle tue preferenze e se deve essere più avventuroso o tranquillo.
Siamo sempre felici quando riusciamo ad entusiasmare i bambini per la natura e le meraviglie del nostro pianeta!
Se vuoi, possiamo anche organizzare un tour privato solo per te e la tua famiglia!

Posso portare il mio cane con me?

Ci piacerebbe molto, anche noi amiamo i cani! Fatecelo sapere in anticipo in modo che possiamo trovare la soluzione migliore per il vostro amico a quattro zampe, su misura per la sua taglia e le sue esigenze.
Se vuoi, puoi prenotare un tour privato!

La cenere fresca di lava è a spigoli vivi e può ferire le zampe del tuo cane. Saremo lieti di consigliarvi su quali tour sono attualmente raccomandati con un cane.

Cosa succede durante un'eruzione?

EtnaWay osserva sempre le norme di sicurezza in vigore sull’Etna. Pertanto, normalmente il tour può svolgersi come previsto. Tuttavia, potrebbe essere necessario fare piccole deviazioni per evitare la pioggia di cenere.

E se ho problemi di salute?

Vi preghiamo di informarci in anticipo su eventuali problemi di salute, allergie, condizioni cardiache, problemi di pressione sanguigna, mobilità limitata, disabilità. Troveremo la soluzione ottimale per voi!

Cosa succede in caso di maltempo?

Normalmente, il tour si svolge come previsto. Tuttavia, puoi cambiare la tua prenotazione gratuitamente, per esempio spostarla in un altro giorno. Se ha già pagato e desidera annullare il tour, le verrà rimborsato l’intero importo.

Come posso pagare?

Avete le seguenti opzioni di pagamento:
– Pagamento in contanti sul posto alla guida
– In anticipo tramite bonifico bancario
– Su richiesta: con carta di credito sul posto con la guida

Quando sarà annunciato l'orario esatto della raccolta?

Se avete prenotato un tour con prelievo dall’hotel o da un altro punto d’incontro, vi informeremo anche dell’orario di prelievo con la conferma della prenotazione via e-mail.

Come posso prenotare?

Il modo più semplice è quello di utilizzare il modulo di prenotazione sul nostro sito web (nei rispettivi tour).
Oppure chiamaci ai seguenti numeri, benvenuto anche su WhatsApp, Telegram o Signal:
Tel.: +39 328 197 7919
Tel.: +39 347 770 4302
Si può anche prenotare via e-mail: info@etnaway.com.
Oppure visitate il nostro ufficio a Taormina:
Leggendaria Sicilia Punto di prenotazione Taormina
Salita De Luna 10, Taormina
Tel.: +39 328 197 7919
Tel.: +39 347 770 4302
* Per ulteriori domande contattateci cliccando qui.

Cosa devo fare per cancellare una prenotazione?

È possibile cancellare una prenotazione semplicemente inviando una mail a info@etnaway.com.
Se la cancellazione avviene entro il periodo indicato sul nostro sito web, riceverete un rimborso completo. Dopo questo periodo, non possiamo rimborsare l’importo pagato. Tuttavia, siamo sempre interessati a risolvere una cancellazione di comune accordo.
Si prega di notare che le cancellazioni via telefono, SMS o WhatsApp non saranno accettate!

Come faccio a riavere i miei soldi se mi cancello in tempo?

Se la cancellazione avviene entro il periodo indicato sul nostro sito web, organizzeremo un rimborso completo tramite bonifico bancario o annullando l’addebito sulla sua carta di credito.

  • Se hai pagato con bonifico bancario:
    Ci mandi l’IBAN e il codice BIC/SWIFT del suo conto per e-mail e noi le trasferiremo l’importo già pagato.
  • Se ha pagato con carta di credito:
    Der Betrag wird direkt auf Dein Konto überwiesen.

Domande sull’Etna

Quanto è alta l'Etna?

L’altezza dell’Etna cambia costantemente a causa dell’attività vulcanica. Quando i crateri sommitali eruttano, il vulcano può crescere con il deposito di nuovo materiale. Tuttavia, se un bordo del cratere crolla durante un’eruzione, l’Etna può anche diventare di nuovo più piccolo. Inoltre, come per ogni montagna, c’è l’erosione e la tettonica a placche.

Il Cratere di Nord-Est, uno dei quattro crateri sommitali dell’Etna, è stato il punto più alto dell’Etna negli ultimi 40 anni – fino a luglio 2021: in una misurazione ufficiale (questa è stata fatta analizzando le foto satellitari), il Cratere sud-est con 3357 metri di altitudine emerge come il nuovo “vertice” dell’Etna. L’altitudine del cratere di nord-est era precedentemente di 3326 metri (misurata nel 2018).

Tuttavia, da luglio 2021 sono successe molte cose: il cratere di sud-est ha eruttato ancora qualche volta nel 2021, ma il 10.2.2022 una grande parte del bordo del cratere è crollata, il cono si è letteralmente spaccato da cima a fondo. Si può quindi dubitare che l’altitudine ufficiale di 3357 metri corrisponda ancora alla realtà.

Quanto è pericoloso l'Etna?

Diversi fenomeni rendono l’Etna pericoloso:

Durante un’eruzione, vengono emessi grumi di lava più piccoli e più grandi. Le pietre più piccole possono volare per diversi chilometri e ferire o addirittura uccidere le persone che stanno scalando l’Etna.

La fuga di gas, come l’anidride solforosa o l’ammoniaca, può anche essere pericolosa per le persone durante un’escursione sull’Etna.

Le colate di lava che fuoriescono sono particolarmente pericolose durante le eruzioni laterali, perché queste avvengono ad un’altitudine inferiore rispetto alle eruzioni dei crateri sommitali. La lava dell’Etna scorre relativamente lentamente, ma se l’eruzione dura abbastanza a lungo, la lava può raggiungere aree abitate. L’ultimo posto ad essere completamente distrutto fu nel 1928 – la piccola città di Mascali nella parte orientale del vulcano. Nel 1993, però, una colata lavica raggiunse il paese di Zafferana Etnea, distrusse la prima casa e si fermò davanti alla seconda. La città è stata risparmiata.

Uno dei fenomeni più pericolosi sono i flussi piroclastici. Si tratta di valanghe calde ed estremamente veloci di gas e cenere che possono verificarsi durante la fase esplosiva di un’eruzione vulcanica. Fortunatamente, sono molto rari sull’Etna. Più recentemente, diversi flussi piroclastici si sono verificati a Southeast Crater il 10.2.2022. Il più grande si è spostato di 1,6 chilometri verso sud e sud-est ad una velocità stimata di circa 140 km/h, coprendo completamente il nord del cratere Barbagallo (fonte: INGV – BOLLETTINO SETTIMANALE ETNA DEL 15/02/2022).

Magma o lava - qual è la differenza?

Il magma è il materiale fuso che si trova sotto la superficie terrestre. Consiste non solo di roccia fusa, ma anche di gas.

Quando il magma sale in superficie, si chiama lava. Se il magma viene espulso molto improvvisamente dal vulcano, si solidifica molto rapidamente nell’aria molto più fredda. Il gas non ha abbastanza tempo per uscire dal materiale e forma bolle nella lava solidificata. Il risultato è un materiale molto leggero chiamato lapillo. Quando il magma emerge lentamente dal vulcano, il gas ha abbastanza tempo per uscire fino a quando la lava si solidifica. La roccia che si crea in questo modo è estremamente dura.

Dove si trova l'Etna?

L’Etna si trova sul versante orientale della Sicilia nella provincia di Catania, circa a metà strada tra la città di Catania e la piccola città di Taormina. Da entrambe le città, l’Etna può essere raggiunto in circa un’ora.

Geologicamente, l’Etna si trova sulla placca africana vicino al confine di placca con la placca europea, che è anche la ragione del vulcanismo nella regione.

Quanti anni ha l'Etna?

L’Etna ha circa 570.000 anni ed è quindi un vulcano estremamente giovane. Al contrario, il resto della Sicilia ha già più di 5 milioni di anni.

Come si è formata l'Etna?

Nel luogo dove oggi c’è l’Etna, prima c’era una grande baia. L’attività vulcanica è iniziata lì circa 570.000 anni fa – a causa della vicinanza al confine tra le placche africane ed europee.

Il sottosuolo era fatto di materiale relativamente morbido e la crosta terrestre qui è probabilmente molto porosa, come una spugna. Questo significava che il magma a corpo sottile poteva facilmente penetrare in superficie in molti luoghi. Molti crateri si sono formati con una bassa pendenza. La lava ha riempito la baia nel tempo, rendendo sempre più difficile l’eruzione del magma, dato che la lava era molto più dura del bedrock originale.

Di conseguenza, le eruzioni si spostarono sempre più verso il centro, direttamente sopra la camera magmatica sotterranea, poiché la pressione era più alta lì. Inoltre, la lava divenne sempre più densa, formando pendii più ripidi. Il vulcano a scudo inizialmente piatto divenne così uno stratovulcano.

Quanto spesso l'Etna erutta?

Le eruzioni dell’Etna non sono regolari e imprevedibili. Bisogna fare una distinzione tra le eruzioni dei crateri sommitali (Cratere di Sud-Est, Cratere di Nord-Est, Bocca Nuova e Vorragine) e le eruzioni laterali.

Negli ultimi anni, il cratere sud-est è stato particolarmente attivo e sta diventando sempre più esplosivo e pericoloso:

  • Nel 2021, il cratere sud-est ha eruttato poco meno di 60 volte.
  • Nel 2022, la prima grande eruzione è avvenuta il 10.2.2022, quando il cratere di sud-est è stato praticamente spaccato e sono stati creati alcuni flussi piroclastici. Il secondo seguì il 21.2.

Le emissioni di gas e le esplosioni, che si possono sentire fino alla costa, sono frequenti sui crateri sommitali.

L’ultima eruzione laterale è iniziata a Natale del 2018: accompagnata da alcuni terremoti e sciami sismici, il 24 dicembre 2018 si sono aperte due fessure, una dalla base del Nuovo Cratere di Sud-Est al bordo occidentale della Valle del Bove, la seconda, più piccola, poco più a nord. Le colate di lava si sono riversate tutte nella Valle del Bove e non si sono avvicinate a zone abitate. L’eruzione è terminata dopo soli 3 giorni il 27.12.2018.

La durata di un’eruzione laterale può anche variare molto: da qualche ora, a qualche giorno o anche anni.

Domande sulle Gole dell’Alcantara

Cos'è l'Alcantara?

L’Alcantara è un fiume lungo 52 km in Sicilia. Sorge sui Monti Nebrodi e corre a nord dell’Etna verso est. La sua bocca si trova a sud della città di Giardini Naxos. Accanto all’estuario c’è anche una bella spiaggia di sabbia per nuotare.

L’Alcantara forma il confine tra l’Etna “giovane”, cioè il suolo vulcanico, e il resto della Sicilia, che è molto più vecchio (570.000 anni contro 5 milioni di anni).

Nel suo corso inferiore, il fiume si è fatto strada attraverso la lava durante migliaia di anni, formando una gola. Le Gole dell’Alcantara sono profonde fino a 25 metri e sono famose per le loro belle e bizzarre colonne di lava basaltica.

Da dove viene il nome Alcantara?

Alcantara è uno dei tanti nomi arabi che troviamo in Sicilia, come il nome della città di Marsala o “Mongibello” (un misto di latino e arabo), come i siciliani chiamano anche l’Etna. La ragione è l’insediamento arabo in Sicilia dalla metà del IX secolo fino alla fine dell’XI secolo.

Alcantara significa ponte o arco di ponte. Il nome si riferisce a un ponte di epoca romana vicino alla foce del fiume, al quale gli arabi diedero successivamente il nome “Alcantara”.

Qual è la temperatura dell'acqua nelle Gole di Alcantara?

Nelle Gole dell’Alcantara, l’acqua freatica fresca scorre dalle fessure delle pareti rocciose nel fiume. Pertanto, la sua temperatura è solo intorno ai 10-12 gradi ed è anche abbastanza costante durante tutto l’anno.

Posso nuotare nelle Gole dell'Alcantara?

Se vuoi nuotare nel fiume Alcantara, devi essere duro, perché l’Alcantara è – anche in estate! – abbastanza figo. Dopo un’escursione sull’Etna, tuttavia, può essere molto rinfrescante!

Il livello dell’acqua può variare molto, e anche la corrente deve essere presa in considerazione. Quindi non si può davvero nuotare nel fiume Alcantara, ma si può fare un tuffo (ghiacciato).

Ma si può guadare la gola con i pantaloni arrotolati – ed è quello che faremo nel nostro tour Etna & Alcantara. È meglio portare con sé delle scarpe da bagno, per poter camminare meglio sulle pietre del letto del fiume.

Chatta su WhatsApp!
Scan the code