Home 9 Blog 9 L’Etna in autunno
Der Ätna im Herbst: rot-braunes Farbenspiel neben schwarzen Lavaflüssen

L’Etna in autunno

L’Etna merita una visita in qualsiasi periodo dell’anno e offre uno spettacolo diverso in qualsiasi periodo dell’anno. In particolare il versante nord, dove il brullo e nero paesaggio lunare si alterna a boschi, cespugli e fiori, offre un gioco di colori sempre diverso al variare dei mesi.

Oltre ai colori vivaci, l’Etna ci offre un clima perfetto per le escursioni in autunno. In inverno, i tronchi bianchi della betulla dell’Etna (Betula aetnensis) spiccano appena sulla neve. In primavera, i cuscini di Astragalus siculus tornano verdi e rendono alcuni pendii a macchie verdi. In estate, la ginestra dell’Etna (Genista aetnensis) fiorisce in giallo ed emana un profumo ammaliante.

A proposito, l’epiteto aetnensis significa che si tratta di una pianta endemica dell’Etna. A causa del clima particolare dell’Etna (grandi differenze di temperatura tra il giorno e la notte, forti venti, sempre nuova cenere), qui ci sono molte piante endemiche che si sono adattate a queste condizioni estreme.

Stagione escursionistica autunnale

Mentre in estate può fare molto caldo, anche sull’Etna, e spesso iniziamo le nostre escursioni la mattina presto o nel tardo pomeriggio per evitare il caldo di mezzogiorno, l’autunno offre spesso un clima ideale per le escursioni.

A fine settembre e a ottobre ci sono circa 10-20 gradi al punto di partenza dei nostri tour, mentre più in alto fa ancora più freddo. In caso di sole splendente, una maglietta a maniche corte è perfettamente adeguata durante la salita. Tuttavia, è consigliabile portare sempre con sé un maglione o una camicia calda e una giacca a vento. Quando il vento viene da nord, può fare molto freddo. Potreste anche aver bisogno di indumenti più caldi durante la pausa pranzo e durante la discesa.

Possiamo anche prestarvi giacche a vento, bastoni da trekking, zaini e scarpe da trekking.

Naturalmente, anche in autunno può esserci maltempo. Per questo motivo consigliamo sempre di pianificare l’escursione il prima possibile, in modo da avere la possibilità di rimandare il tour in caso di maltempo.

A proposito: se il tour non è possibile a causa del maltempo, vi verrà naturalmente restituito il denaro o potremo rimandare il tour a un altro giorno.

Per conoscere le condizioni meteorologiche attuali sul versante nord dell’Etna, potete cliccare qui:

Klicken Sie auf den unteren Button, um den Inhalt von www.3bmeteo.com zu laden.

Inhalt laden

I colori dell’autunno

Nei nostri tour sul versante nord dell’Etna (Tour Crateri Etna Nord, Trekking tour sull’Etna o tour più semplici come l’Etna & Alcantara Tour), attraversiamo boschi di betulle e pini prima di immergerci nel nero paesaggio vulcanico.

In ottobre le foglie diventano gradualmente gialle e marroni. Il nostro panorama è composto da colate laviche nere, da gruppi di alberi gialli risparmiati dalle colate laviche e dai crateri sommitali sullo sfondo.

L'Etna in autunno: gli alberi si illuminano di arancione e marrone accanto alla colata lavica nera

Anche i cuscini verdi di Astragalus siculus, che già crescono sulle colate laviche più vecchie, stanno diventando marroni. Alcuni di essi, tuttavia, ora brillano di rosso perché nei cuscini cresce il crespino (anch’esso una pianta endemica, Berberis aetnensis) con frutti rossi. La sabbia lavica si incastra nei cuscini, offrendo una casa ad altre piante. Sulle pendici dell’Etna, dove cade continuamente nuova cenere e il vento la spazza via, è difficile per le piante prendere piede. L’Astragalus siculus è quindi una preziosa pianta pioniera e un habitat per molte altre piante.

Il crespino dell'Etna (Berberis aetnensis) produce frutti di colore rosso vivo in autunno.

Da ottobre in poi, a quote più basse, fino a circa 1700 metri, si possono vedere anche i crochi in fiore. Il Crocus longiflorus è alto 10-15 cm e fiorisce in autunno con fiori viola chiaro. Si trova solo in Sicilia, a Malta, nelle Isole Egadi e nell’Italia meridionale.

Chi viene in Sicilia dalla Germania, dall’Austria o dalla Svizzera può conoscere il termine “estate indiana”, che prende il nome dal fatto che in autunno le ragnatele fluttuano nell’aria come i capelli di una vecchia. Possiamo osservare queste ragnatele anche sull’Etna!

I colori della lava

Ma non solo la flora dell’Etna si colora in autunno.

Anche l’Etna stesso offre – tutto l’anno – un variegato gioco di colori.

La lava non è semplicemente nera o grigia, ma può assumere molte altre sfumature, a seconda della sua composizione chimica:

  • La lava rossastra contiene molto ferro.
  • Il colore bianco della lava deriva dal calcio e dal magnesio in essa contenuti.
  • Lo zolfo colora la lava di giallo.

Tutti i colori della lava in un colpo d’occhio:

I colori della lava dell'Etna

Monte Nero, sul versante nord dell’Etna, formatosi durante un’eruzione nel 1646. Ma non è più nero da molto tempo. La lava si è ossidata ed è diventata rossastra a causa del contenuto di ferro:

Monte Nero sul versante nord dell'Etna

Nel 2022, i gas di zolfo fuoriusciti hanno fatto diventare giallo il Cratere di Sud-est, attualmente il più alto dei 4 crateri principali dell’Etna, intorno alla sua apertura:

Il Cratere di Sud-Est nel 2022

Chatta su WhatsApp!
Scan the code