Home 9 Blog 9 Vivere l’Etna dal vivo: uno spettacolo naturale mozzafiato!
eruzione-in-corso-dell-Etna

Vivere l’Etna dal vivo: uno spettacolo naturale mozzafiato!

Dal 13.5.2022, il cratere di sud-est è di nuovo attivo. Ai piedi del cono, sul lato nord, si è aperta una fessura. Una colata di lava si è riversata nella Valle del Bove, l’enorme valle sul versante orientale dell’Etna.
Si tratta di un’eruzione subterminale, cioè di un’eruzione di un cratere principale, ma non in cima (eruzione terminale), bensì nelle immediate vicinanze.

Ieri sera abbiamo quindi potuto vivere l’Etna dal vivo e godere di questo spettacolo naturale.

Il punto d’incontro era alle 16:30 al Rifugio Citelli, sul versante nord dell’Etna. Da questo lato si può osservare meglio l’eruzione in corso.
Fortunatamente, a quest’ora non fa più caldo come durante il giorno.
Al Rifugio abbiamo acquistato le provviste (un panino e anche 1,5 litri d’acqua a persona).

Salita attraverso il bosco di betulle

Prima siamo saliti a piedi attraverso una foresta. Qui crescono betulle endemiche, cioè un tipo particolare di betulla che si trova solo sull’Etna.

La prima tappa per le spiegazioni è stata una struttura rotonda fatta di pietre. Questa “capanna” era un tempo coperta di paglia ed era stata costruita per proteggere i pastori che qui accudivano le loro pecore e capre. Si trovano in tutta l’Etna.

Abbiamo continuato a salire e scendere attraverso il bosco di betulle. Era bello e fresco all’ombra degli alberi, quindi la salita non è stata difficile.

Dopo poco meno di un’ora, abbiamo raggiunto la Grotta di Serracozzo. Questa grotta è una delle circa 190 gallerie laviche esistenti o conosciute sull’Etna. Probabilmente ci sono molte, molte altre gallerie laviche, ma non le abbiamo ancora scoperte.
Ora abbiamo bisogno di caschi e lampade frontali per esplorare la grotta. All’inizio, la grotta è alta diversi metri e la luce del giorno entra dal foro nel soffitto. In seguito, la grotta diventa più bassa e più buia e la nostra guida ci mostra quali sono le formazioni speciali da scoprire qui.

Grotta-di-Serracozzo

Poi abbiamo continuato a salire. Più si sale, più le betulle diventano piccole. Si vedono anche grandi cuscini verdi con piccoli fiori poco appariscenti su tutto il pendio. Sembrano accoglienti, ma hanno spine affilate!

Il tour è pianificato in modo tale da effettuare l’intera salita durante la luce del giorno. In questo modo è più facile e possiamo ancora goderci il panorama fino al mare e riconoscere le diverse formazioni geologiche dell’Etna e imparare qualcosa su di esse.

Vista dell’attuale eruzione dell’Etna

Abbiamo raggiunto il bordo della Valle del Bove quando era ancora giorno. La vista è stata travolgente: questa enorme valle si apre sul versante orientale dell’Etna, e le pareti della valle scendono verticalmente fino a 1000 metri in alcuni punti.

Il fondovalle è un mare di lava nera solidificata e al centro scorre un fiume di lava, l’attuale eruzione del cratere di sud-est. Il colore rosso della lava non è visibile alla luce del giorno, solo il fumo della colata ne indica l’attività. È difficile credere che questa valle fosse un paradiso verde fino a pochi decenni fa. Nel frattempo, la lava ha ricoperto tutto.

Vivere l'Etna dal vivo: un fenomeno naturale che entra nella pelle!

Al limite della valle siamo saliti ancora più in alto. Abbiamo tenuto la colata lavica sempre in vista. Improvvisamente vediamo la prima piccola macchia di rosso. Mentre continuiamo a camminare e il buio si fa sempre più intenso, appare sempre più rosso.

A circa 2200 metri ci siamo seduti e abbiamo mangiato il nostro panino. In seguito, la guida ha distribuito la pasta di mandorla, una specialità dolce siciliana.

Il cielo è ormai buio. Il cratere di sud-est si staglia solo leggermente nel cielo notturno. Alle sue spalle si vede il cratere centrale, un tempo l’unico cratere principale dell’Etna.
I fiumi di lava sono ora di colore rosso vivo. Si diramano più volte, i pezzi di lava si staccano e rotolano a valle. In fondo alla valle, dove diventa più pianeggiante, la colata di lava rossa si interrompe: la lava si ferma qui e si raffredda.

Colata di lava dall'attuale eruzione dell'Etna

La lava dell’Etna ha una temperatura di circa 1080 gradi quando raggiunge la superficie. A 800 gradi diventa solido e nero. Quindi, anche se vedete della lava nera e solida sull’Etna, non dovete mai attaccarla quando è ancora fresca!

Discesa

Verso le 10 di sera siamo tornati indietro. Ora abbiamo di nuovo bisogno delle nostre lampade frontali.
Ci allontaniamo dal bordo della valle. La morbida sabbia vulcanica facilita la discesa. Passiamo davanti a un cratere e a due bocche dell’eruzione del 1928.

Dopo un’ora abbondante siamo tornati al parcheggio.

Sicuramente ricorderemo a lungo questa serata!

 

Volete vivere l’Etna dal vivo?

Allora venite con noi! Contattateci e vi informeremo sulla situazione attuale dell’Etna e se è in corso un’eruzione.

Eruzione dal Vivo

Indimenticabile e commovente: fontane di lava rossa incandescente e colate di lava nel buio della notte

Chatta su WhatsApp!
Scan the code