Covid-19 FreeCOVID-FREE!
Escursione a prova di assembramento, con dispositivi Covid-Free. Gruppi ristretti di max 12 partecipanti, per garantire il distanziamento. Perché EtnaWay ti offre sempre servizi di altissima qualità in piena sicurezza!
previous arrow
next arrow
previous arrownext arrow

ETNA TOUR SUI CRATERI DEL 2002

5/5
69€  59€ p.p
* I bambini sotto i 13 anni pagano €5 in meno! I bambini sotto i 4 anni gratis!

Durata
DURATA

9:00 – 16:00

Altitudine
ALTITUDINE

2100 m s.l.m.

Trekking
TREKKING

6 km

Difficoltà
DIFFICOLTÀ

Medio

Tour sull’Etna alla scoperta dei più grandi crateri dell’eruzione 2002, la più imponente e fulminea attività vulcanica degli ultimi 20 anni. Dall’alto dei crateri ammireremo il panorama del versante Nord dell’Etna, dalla Calabria al cratere Centrale di Nord-Est. Percorso estremamente vario che ci catapulta tra paesaggi lunari e boschi fiabeschi, fa di questo tour un’esperienza avvincente, passando dagli aridi crateri di scorie laviche al fertile bosco di betulle endemiche e alle oscure cavità delle grotte laviche.
Meeting Point

PUNTO DI PARTENZA

Piano Provenzana

ATTREZZATURA CONSIGLIATA 

• Scarponcini da trekking
• Abbigliamento a strati adatto alla stagione, alle condizioni meteorologiche, e all’altitudine: durante la stagione invernale abbigliamento a strati (guanti e cappello essenziali!); d’estate una giacca a vento, berretto e crema solare.
• 1,5 L di acqua a persona
• Pranzo a sacco
• Fotocamera Personale

SERVIZI INCLUSI

• Copertura Assicurativa durante tutte le fasi del tour;
• Guida autorizzata in italiano (guida turistica/guida escursionistica AIGAE-GRE in possesso di certificato BLSD);
• Attrezzatura: caschi, lampade e bastoncini da trekking

SERVIZI NON INCLUSI

Tutto ciò non espresso alla voce “servizi inclusi”.

SERVIZI SU RICHIESTA

• Pick-up dall’hotel o da un altro punto di incontro (prezzo previo accordo)
• Noleggio di scarponcini e giubbotti

COMUNICAZIONI IMPORTANTI

Comunicateci in anticipo eventuali circostanze particolari: problemi di salute, allergie, cardiopatie, problemi di pressione, mobilità ridotta, handicap. Faremo in modo di potervi accogliere al meglio. Grazie!

!!! Il tour potrà subire variazioni o essere interrotto a discrezione della Guida, qualora le variazioni delle condizioni meteorologiche o vulcaniche potessero compromettere la sicurezza dell’intero gruppo.

ALLA VOLTA DEI PAESAGGI LUNARI 

Muniti di acqua, panini, macchina fotografica e tutto ciò che vi abbiamo raccomandato nella sezione “Informazioni”, partiamo.

Dagli impianti sciistici di Piano Provenzana, Etna nord, a 1800 m s.l.m. incontriamo gli ultimi pini della Pineta Ragabo, qualche faggio e poi ci ritroviamo catapultati su di un paesaggio lunare, enormi campi lavici, enormi bombe laviche, svariate tonalità di nero e rosso ci fanno sentire come su Marte.
Man mano che ci avviciniamo agli edifici vulcanici (crateri) le superfici delle colate, scoriacee e rossastre, lasciano il posto alle superfici arrotondate delle bombe laviche, che come residuati bellici sono disseminate sulla superficie.

LUNGO IL RIFT DI NORD-EST

Visitiamo la fenomenale frattura dell’eruzione del 1928 le cui lave in soli 8 giorni arrivarono a lambire Linguaglossa.

Proseguiamo su questo avvincente percorso, che seppur non d’alta quota, si snoda lungo una porzione estremamente viva e attiva del Rift di nord est o Faglia della Pernicana, una delle principali faglie dell’Etna (che fa registrare ogni anno movimenti nell’ordine dei 2 – 4 centimetri)

CRATERI DEL 2002

Saliamo fin sulla cima dei più grandi crateri dell’eruzione del 2002.
Imponenti coni piroclastici, che in maniera strabiliante si sono formati in solo 10 giorni.

Da qui riusciamo ad osservare come le colate laviche, alimentate dalla furia della lava incandescente, inizialmente fossero state parecchie e orientate in varie direzioni, ma seguentemente si sono man mano arrestate, tutte all’infuori di una, che invece ha proseguito inarrestabilmente ad una velocità strabiliante per 10 chilometri e si è fermata a soli 5 km da Linguaglossa.

IL MAGICO BOSCO DI BETULLE

Dopo il trekking di Piano Provenzana, ci spostiamo un po’ più in basso, a quota 1740 m s.l.m. e ci incamminiamo verso l’eruzione del 1971 per visitare la Grotta di Serracozzo.
A pochi minuti di macchina e solo qualche chilometri di distanza dal percorso affrontato precedentemente ci immergiamo in un’atmosfera totalmente diversa che potremmo definire fiabesca: addentrarsi in un bosco di betulle è sempre un’esperienza fantastica, se poi si tratta di una specie unica al mondo la sensazione diventa ancora più impressionante.

GROTTA DI SERRACOZZO E RITORNO

Arrivati alla colata del 1971 notiamo delle bellissime lave a corde, particolari forme che si possono trovare sulla superficie delle colate laviche che si sono mosse lentamente.
Ma solo osservando un condotto lavico dall’interno possiamo renderci conto esattamente di ciò che la lava incandescente riesce realizzare dentro i tunnel di scorrimento lavico.
Entriamo dentro il condotto lavico e scopriamo le stalattiti da rifusione (denti di cane), i blister, i rotoli di lava, ecc).
Alla prossima avventura!

Durata
DURATA

9:00 – 16:00

Difficoltà
DIFFICOLTÀ

Medio

Altitudine
ALTITUDINE

2100 m s.l.m.

Trekking
TREKKING

6 km

69€   59€ p.p.

* I bambini sotto i 12 anni pagano €5 in meno! I bambini sotto i 3 anni gratis!

Escursione crateri del 2002 mappa
Escursione crateri del 2002 mappa
Open chat
Chatta su WhatsApp!